Sbarca il “sesso vegan”: ora sul mercato arrivano i sex toy per soli vegani

I vegani sarebbero stati fino ad oggi discriminati all’interno del mercato del sesso. Per combattere questa ingiustizia è stato aperto un sex shop apposta per loro. E per combattere la società patriarcale

A Berlino i negozi vegani non sono una novità. Lo sono invece quelli in cui i prodotti sono multiuso: ecco i sex shops per vegani.

Che sarebbero l’ultima frontiera del femminismo.

“Other Nature”: l’altra natura. E’ il nome di un negozio nella zona della movida berlinese che ha lanciato una moda: quella di aprire sex shops per persone vegane. Nei quali il materiale venduto si confaccia alle esigenze di queste persone che, troppo spesso, sono state discriminate perché non hanno potuto usufruire del materiale a loro adatto per soddisfare le proprie fantasie sessuali.

L’idea è venuta a Tamara Ries, manager femminista. “Volevo aprire un negozio del sesso femminista” ha spiegato a Die Welt, “per renderlo unico ho però poi deciso di renderlo vegano”. Il prodotto che vende di più sono i preservativi vegani. Che, secondo la manager, sono esattamente uguali a quelli per “carnivori”, senza però contenere latticini. Le sensazioni fisiche sarebbero però le stesse.