A ROMA DUE CORTEI: UNO DI PERICOLOSI E VIOLENTI FASCISTI, ED UNO DI CASAPOUND

Se lo Stato non ruggirà come un leone davanti ai veri fascisti dei Centri Sociali, dei movimenti antagonisti e della sinistra extra-parlamentare, verrà purtroppo il giorno in cui a ruggire saranno i perseguitati, i discriminati, i disperati. E quel giorno, che non è lontano, la reazione potrebbe essere molto, molto violenta. Perchè, caro Landini, la democrazia si difende garantendola a tutti i cittadini.
E quando si scatena la violenza, con le sacche di disperazione e di paura che si trovano in tutte le città d’Italia, da nord a sud, tra tutti i cittadini, poi sarà troppo tardi per lo Stato. State attenti a non tirare troppo la corda, e restituite dignità alla democrazia ed alla libertà di espressione, da qualsiasi parte venga. La misura è ormai quasi colma, e non vorrei che presto i violenti comprendano, a loro spese, che se nessuno ha reagito finora non è per vigliaccheria e per mancanza di coraggio. La storia ci insegna che se lo Stato lascia libere le bestie feroci, belve con canini più aguzzi a artigli più forti, prima o poi, si faranno giustizia da sole.

Roma, 22 maggio 2016
Alessandro Amadeus Pecora