MELANOMA, OLTRE 10MILA CASI: NON BASTA CURARLO, ECCO COSA DOVETE ASSOLUTAMENTE EVITARE

MELANOMA, NON BASTA CURARLO. ECCO COSA DOVETE ASSOLUTAMENTE EVITARE
Ogni anno oltre 10mila casi di melanoma all’anno e 450mila tumori della pelle di altro tipo diagnosticati in Europa, Stati Uniti ed Australia sarebbero attribuibili alle lampade abbronzanti.

A richiamare l’attenzione sul pericolo dei solarium è uno studio condotto dalle Università della California di San Francisco (Stati Uniti) e Cambridge (Inghilterra) da poco pubblicato sulla rivista Jama dermatology. Già nel 2009 l’Organizzazione mondiale della sanità ha stabilito che i lettini solari sono cancerogeni, precisando che, soprattutto se l’abitudine inizia da giovanissimi, aumentano notevolmente i rischi di tumore cutaneo. E proprio i ragazzi sono quelli che mostrano di avere una passione per la tintarella, finendo troppo spesso per eccedere e scottarsi.

TEENAGER E RAGAZZI IN PERICOLO, SOPRATTUTTO LE FEMMINE – Ora i ricercatori inglesi e americani hanno analizzato i dati provenienti da 88 diverse indagini che hanno coinvolto, complessivamente, quasi 490mila partecipanti in 16 Paesi occidentali. Ne è emerso che a frequentare il solarium è il 55 per cento degli studenti universitari, circa il 36 per cento degli adulti e il 19 per cento degli adolescenti.

E, in tutti e tre i gruppi, sono in maggioranza le femmine ad avere un debole per la tintarella artificiale. Secondo le stime elaborate dagli studiosi, fra il 3 e il 22 per cento di chi frequenta un solarium corre il rischio di sviluppare un cancro cutaneo di tipo non-melanoma, mentre il pericolo di melanoma va dal 2,6 al 9,4 per cento. «Per contestualizzare questi numeri – scrivono gli autori dello studio – si pensi che il numero di tumori della pelle legati all’abbronzatura artificiale appare più elevato di quello dei casi di cancro al polmone dovuti al tabacco nelle stesse regioni.