Napoli. Sparò al poliziotto, chiesta la condanna

Sedici anni di carcere per Raffaele Rende, accusato di aver gravemente ferito il sovrintendente della Squadra Mobile Nicola Barbato e il suo collega Tuccillo e cinque anni di reclusione per Roberto Gerard per l’estorsione tentata al negozio di giocattoli di Fuorigrotta davanti al quale il 24 settembre 2015 ci fu la sparatoria.

Sono queste le richieste con cui il pubblico ministero Antimafia Maurizio De Marco ha concluso la requisitoria nel processo sull’agguato che quasi costò la vita a Barbato.

I due imputati hanno offerto un assegno da 2500 euro a ciascuno dei due poliziotti feriti a titolo di risarcimento simbolico ma la proposta è stata rifiutata dagli agenti che nel processo sono parte civile. I loro avvocati hanno chiesto la condanna degli imputati e un risarcimento del danno da stabilirsi in sede civile. Sulla stessa linea l’Avvocatura dello Stato che è parte civile per il Ministero dell’Interno.