La mossa di Salvini per uccidere il Pd

Matteo Salvini ha anche parlato della possibilità di una coalizione Lega-Fdi-M5S per governare il Paese, superando quindi il vecchio centro-destra. Un’alleanza sostanzialmente anti-Pd che escluderebbe la sola Forza Italia, sempre più ininfluente e, secondo taluni, sempre più renziana.
Difficilmente i grillini accetterebbero. Ma forse il buon Matteo ha un’idea in testa: un accordo, ufficiale o ufficioso, su vasta scala per queste amministrative.
L’endorsement pro candidati grillini a Torino e Roma da parte della Lega, in cambio dell’endorsement pro candidati di centro-destra e Lega a Milano e Bologna da parte del Movimento 5 Stelle.
L’occasione è in effetti ghiotta e lo scambio potrebbe essere proficuo: i voti del Movimento 5 Stelle sarebbero sicuramente decisivi per far vincere Parisi, candidato del centro-destra unito a Milano, e numericamente potrebbero anche rivelarsi sufficienti per il colpaccio della leghista Lucia Borgonzoni a Bologna.
A piangere, sicuramente, sarebbe solo il Pd. E Renzi.

Riccardo Ghezzi

10/6/2016