DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI: UN ARRESTO

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Varese, nell’ambito di in un servizio mirato a reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti, svolto con la collaborazione dei carabinieri di Busto Arsizio (VA), hanno arrestato, in flagranza di reato un 36enne, incensurato, cittadino italiano di origini albanesi, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio.

Ancora una volta è stata determinante la conoscenza del territorio da parte dei militari dell’Arma, frutto dalla loro presenza capillare fino ai più piccoli centri della Provincia.

Nella circostanza, i carabinieri della Stazione di Castellanza avevano segnalato nei giorni scorsi ai militari specializzati del Nucleo Investigativo, la notizia dell’acquisizione di un bar di quel comune da parte di un cittadino italiano di origini albanesi, insospettiti dal fatto che quest’ultimo risultasse essere stato licenziato da qualche anno e non avere un’attività lavorativa.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo, hanno quindi svolto mirati e prolungati servizi di osservazione, nel corso dei quali hanno notato alcuni movimenti sospetti nei pressi dei locale.

La notte scorsa, hanno seguito il nuovo proprietario fino al comune di Legnano (MI), suo luogo di residenza, dove lo hanno visto entrare all’interno di un garage. Sono quindi intervenuti ed hanno rinvenuto, custoditi all’interno di borse da viaggio, circa 77 kg di sostanza stupefacente di tipo Marijuana, e 1,3 kg di cocaina.