Arriva l’URNA BIODEGRADIBILE: dopo morto puoi diventare pianta. Ecco come

Niente tombe, cappelle e liti per una degna sepoltura. Dimenticate i cimiteri sovraffollati di Napoli perché presto tutti potremo diventare alberi dopo la morte. È l’iniziativa di una ditta napoletana di onoranze funebre che per prima, in Campania e in Italia, ha adottato Urna Bios, la prima urna biodegradabile che trasforma i defunti in piante ed alberi. Nella Bibbia c’è scritto che “cenere siamo e cenere ritorneremo”, con Urna Bios le nostre ceneri ritornano alla Terra sotto forma di alberi.

Convertiamo i cimiteri in foreste, e Napoli sarà la prima città dove si potrà realizzare questo progetto. La città si rivela la prima attenta a sepolture rispettose dell’ambiente. sarà per i cimiteri fin troppo saturi in città o per i costi elevati delle normali sepolture, ma l’idea di usare un’urna ecologica che trasforma i defunti in piante è un’idea che potrebbe rivoluzionare il modo di concepire la morte. Urna Bios infatti non è solo un’urna ma un catalizzatore di vita. Realizzata con materiali 100% biodegradabili, Urna Bios è rispettosa dell’ambiente, una necessità sempre più incombente oggi. Aveva già avuto grande diffusione la notizia del primo formo crematorio a Napoli, adesso con Urna Bios si potrà seppellire le ceneri dei propri cari per trasformarli in alberi o piante. La ditta napoletana Gennaro Tammaro è la prima ad introdurre in Italia questo metodo di sepoltura e importerà le urne biodegradabili dalla Francia.