Brexit: ‘Leave’ avanti al 52%, smentiti i primi opinion poll

 

AGGIORNAMENTO: I risultati ufficiali smentiscono quelli degli Opinion Poll: vince il Leave con il 52%, il Regno Unito è fuori dall’Ue.

‘Remain’ avanti al 52% secondo i primi dati degli opinion poll sul voto britannico sullaBrexit. I commentatori di Skynews osservano che il vantaggio indicato dall’opinion poll, un sondaggio realizzato durante la giornata del voto, ma non fuori dai seggi come gli exit poll, è ancora “entro il margine di errore”. Ma evidenziano anche un immediato rimbalzo della sterlina sul mercato internazionale, segno che gli ambienti finanziari, in maggioranza contrari alla Brexit, appaiono fiduciosi. Per Ipsos Mori Remain ssarebbe addirittura al 54%.”Sembra che Remain sia in vantaggio” ammette anche il leader euroscettico dell’Ukip, Nigel Farage, citato da Skynews. “Le urne sono chiuse, la democrazia ha vinto, siamo in attesa del verdetto del popolo. Grazie a tutti quelli che si sono impegnati e a tutti quelli che hanno votato”, scrive, in un tweet, Boris Johnson, ex sindaco di Londra e tra i leader della campagna a favore del ‘Leave’. Ringrazia chi ha votato per una Gran Bretagna “più forte e sicura in Europa” David Cameron.

La sterlina vola ai massimi del 2015 sfiorando gli 1,50 dollari sui primi segnali, provenienti dagli exit poll, secondo cui al referendum avrebbero prevalso i voti a favore della permanenza nell’Ue (‘Remain’). Vola anche l’euro, sopra gli 1,14 dollari.

Le urne si sono chiuse alle 22 (le 23 italiane). Affluenza massiccia per gli standard britannici al referendum. In base a dati provvisori, Skynews stima che abbia votato l’83,7% dei 46,5 milioni circa di aventi diritto, a dispetto del maltempo che ha colpito Londra e l’Inghilterra sud-orientale: una quindicina di punti in più rispetto alle politiche del 2015, quando peraltro si votava con il sistema maggioritario.

Fonte Ansa

Londra, 24 giugno 2016