Ricevi bonifici dai tuoi familiari? Rischi il blocco del conto corrente. Ecco come evitarlo

Ricevi bonifici dai tuoi familiari? Rischi il blocco del conto corrente. Ecco come evitarlo

Se effettui o ricevi un bonifico da un parente, non giustificato agli occhi dell’Agenzia delle Entrate, potrebbero bloccarti il conto corrente

Se effettui o ricevi un bonifico da un parente, non giustificato agli occhi dell’Agenzia delle Entrate, potrebbero bloccarti il conto. A precisarlo una sentenza della Cassazione, secondo la quale: “le movimentazioni bancarie, fra cui le cessioni ai familiari, se non giustificate da documentazione o da valide ragioni, legittimano il sequestro sui beni del presunto evasore fiscale”.

OGNI BONIFICO DEVE ESSERE MOTIVATO – Ogni bonifico effettuato, anche verso i propri familiari, deve quindi essere giustificato, altrimenti, secondo la legge, è legittimo che l’Agenzia delle Entrate possa ritenere l’operazione bancaria in odore di evasione fiscale, e avviare la procedura prevista in questi casi, che contempla il blocco del conto corrente e l‘impossibilità di movimentare le somme depositate. E dal punto di vista legale, sembra non esserci nessuna “scappatoia”, per opporsi al provvedimento.

VALE ANCHE PER GLI IMPRENDITORI – Per la Cassazione, tale principio