Attacco agli Usa nella notte del voto Verso la guerra: Putin, l’arma totale

E se i misteriosi hacker russi sono stati in grado di violare la corrispondenza del Dipartimento di Stato, non si capisce come possano non essere in grado di fare altrettanto con questi sistemi, magari aggiustando le cifre nel corso della notte elettorale, “spingendo” Trump verso la Casa Bianca, la Clinton verso la sconfitta e il mondo verso il caos: come reagirebbero gli Stati Uniti di fronte a tale interferenza?

Per inciso, il fatto che i pirati informatici al soldo di Mosca siano avversari molto più che temibili lo conferma il GAO, il ramo investigativo del Congresso Usa, il quale nel 2014 ha censito 67mila attacchi informatici ai danni di 24 agenzie federali, del Pentagono, del Dipartimento di Stato, del Tesoro, degli Interni e della Nasa. Di questi attacchi, hanno fatto sapere, i più efficaci e insidiosi erano quelli dietro al quale è stato individuato il Gru, il servizio segreto militare russo. Gli hacker di Putin, dunque, potrebbero cambiare la storia di una nazione. E, forse, di un pianeta.

Roma, 31 luglio 2016
fonte liberoquotidiano