TERRORISMO: BLITZ ROS NEL MILANESE, PAKISTANO ESPULSO

Il provvedimento trae origine dalla prolungata attivita’ di indagine coordinata dalla Procura Distrettuale Antiterrorismo di Milano d’intesa con la Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, che ha permesso di riscontrare un crescente processo di radicalizzazione in chiave jihadista dello straniero residente in provincia di Milano che, in piu’ occasioni, ha manifestato l’adesione ideologica allo Stato Islamico e la condivisione delle azioni commesse da diverse organizzazioni terroristiche della galassia jihadista.

L’uomo, infatti, oltre ad avere espresso il desiderio di raggiungere i diversi teatri di conflitto per unirsi alle milizie dello Stato Islamico, tentando di convincere in tale proposito anche altri connazionali, tra cui la moglie, ha mostrato segni di progressiva esaltazione ideologica a sostegno dello Stato Islamico, dichiarando di essere intenzionato ad aderire al jihad mediante un atto di martirio e ritenendo gli attentati terroristici di Parigi una “legittima” reazione alle aggressioni militari compiute dalla Francia e dalla coalizione anti-ISIS nel teatro siro-iracheno

Roma, 2 agosto 2016