Espulso, urlava “ Allah Akbar” in Prato della Valle

Il primo episodio risale alla sera dello scorso primo luglio,  poco prima di mezzanotte, quando, in stato di alterazione psicofisica, si era messo a correre senza vestiti in mezzo alla gente a passeggio nella piazza. In quell’occasione, alcuni passanti preoccupati avevano allertato il 113 e subito dopo una pattuglia della polizia, intervenuta sul posto, aveva tentato di calmarlo per accompagnarlo in Questura, ma il giovane era riuscito a divincolarsi fuggendo verso la basilica di Santa Giustina.  Con l’aiuto di altre due pattuglie giunte in ausilio, il tunisino è stato rincorso e bloccato, nonostante per fuggire avesse colpito con uno schiaffo un agente e morso alla mano un altro poliziotto. Il tunisino è stato denunciato in stato di libertà per resistenza a Pubblico Ufficiale e atti osceni in luogo pubblico e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale civile dal 118, dove è stato ricoverato in Psichiatria.

Dopo due settimane, lo scorso 15 luglio alle 10.30, nuovamente, il tunisino ha ripetuto la scena, correndo nudo per la principale piazza della città patavina e urlando frasi in arabo tra cui “Allah Akbar”, sotto gli occhi esterrefatti dei passanti da cui la nota attrice Claudia Cardinale, in quei giorni a Padova per le riprese del suo ultimo film. Allertata la Polizia, dopo averlo rincorso per Prato della Valle, sempre con difficoltà, gli agenti sono riusciti a bloccarlo e ammanettarlo.