Pensionato nascondeva arsenale. Arrestato nel Napoletano

Disponeva di un piccolo arsenale occultato in alcuni casolari su un terreno di sua proprietà dove coltivava, tra le vigne, anche piante di cannabis. Un pensionato di 65 anni, già noto alle forze dell’odine, è stato arrestato dai carabinieri di Sant’Anastasia, in provincia di Napoli, e dovrà rispondere di detenzione illegale di armi da fuoco e munizione, ricettazione, coltivazione di stupefacenti. La scoperta dei militari è avvenuta nel corso di un’operazione di controllo del territorio. L’elenco delle armi sequestrate è lungo: un fucile calibro 12 con matricola abrasa; una pistola calibro 38 con canna di ricambio (rubata il 12 febbraio 2015 a un 45enne di Acerra; 3.500 cartucce di vario calibro (per pistola, fucile e carabina); 3 kg.di polvere da sparo (divisa in otto barattoli); un caricatore da 30 colpi per mitra calibro 9; 4 piante di cannabis indica (rispettivamente alte 2.20 – 2.00 – 0.50 – 1.50 metri).

Una successiva perquisizione domiciliare ha consentito ai carabinieri di sequestrare anche una pistola artigianale calibro 36 magnum; una carabina ad aria compressa calibro 4,5; 10 armi modificate ad aria compressa (di cui 4 carabine e 6 pistole); 21 micce per innesco petardi/bombe carta; un pugnale con lama da 12 cm; 3 canne per revolver; una balestra; 38 grammi di marijuana; un bilancino di precisione; 8 dies per ricarica di cartucce di vario calibro; varia attrezzatura per il confezionamento delle cartucce e la modifica delle armi. Le armi saranno inviate al Racis di Roma per gli esami balistici di rito e per accertarne l’eventuale impiego in recenti fatti di sangue. Il pensionato è nel carcere di Poggioreale.

Roma, 28 agosto 2016