IL MEDICO CHIEDE DI RIMANERE SOLO CON LEI, QUELLO CHE ACCADE NELLO STUDIO E’ SCIOCCANTE

Nel 2007 a 17 anni pesava oltre 120 chili e aveva deciso di sottoporsi a un intervento di bendaggio gastrico per dimagrire, così si era rivolta ad un medico di Parma esperto nel campo andando incontro però ad una vera e propria violenza sessuale. È la storia di una ragazza reggiana che a quasi nove anni di distanza dai fatti ha trovato il coraggio di denunciare tutto attraverso l’associazione “La Caramella Buona”. Secondo il suo racconto, il primo incontro avvenne alla presenza dei genitori e il medico si dimostrò gentile e disponibile, consigliandole però un percorso di natura psicologica prima dell’intervento. Già al secondo appuntamento però il dottore chiese di rimanere solo con lei e con la scusa della visita l’avrebbe baciata sulla bocca e toccata nelle parti intime dicendole che la volta successiva avrebbero avuto un rapporto completo.

“Dopo pochi minuti fece uscire mio padre che mi aveva accompagnato dicendo che voleva parlare da solo con me per preparare l’intervento. Appena rimasti soli, mi ha baciata sulla bocca, leccandomi le labbra” racconta la ragazza. Il medico le avrebbe ordinato di rimanere in slip mettendola contro il muro, appoggiandosi contro di lei e strusciandosi. Secondo il racconto, lei si sarebbe coperta il seno con le braccia, ma lui le avrebbe preso i polsi con forza, fino a farle male e le abbassa le braccia. Infine l’uomo le avrebbe promesso rapporti completi nella successiva visita.