+ + + SERIE A IN LUTTO, il calcio italiano piange l’eroe dello scudetto

Brasiliano di origine, aveva 74 anni. La società: “Addio a una delle nostre leggende”. Scopigno ne aveva fatto con Greatti il perno del centrocampo della squadra guidata da Gigi Riva che nel campionato 1969-70 regalò uno storico scudetto alla Sardegna

Nella foto della formazione era quasi sempre in alto a sinistra, prima di Albertosi, opposto a Gigi Riva che chiudeva la fila dei giocatori in piedi. In campo invece stava al centro del gioco e così anche nello spogliatoio dove dispensava allegria e sorrisi ai compagni. Claudio Olinto De Carvalho, conosciuto da tutti come “Nenè”, uno degli eroi dello scudetto del Cagliari della stagione 1969/70, è morto nella notte all’età di 74 anni.

La notizia è comparsa stamattina sul sito della società rossoblù che ha dato l’addio “a una delle sue leggende”. “La Società – si legge nel comunicato – lo piange con grande dolore e ricorda il valore di un eccezionale calciatore e di un uomo buono e generoso dal comportamento esemplare, dentro e fuori dal campo di gioco”.

Brasiliano di nascita e sardo di adozione come poi molti giocatori del Cagliari di Manlio Scopigno, Nenè era, accanto a Ricciotti Greatti, uno dei pilastri del centrocampo nell’anno del miracolo, quando la squadra trascinata da Gigi Riva vinse il campionato di Serie A. Aveva giocato nella Juventus di Omar Sivori e, prima di sbarcare in Italia, nel Santos di Pelè. Inizialmente schierato come centravanti, Nenè fu utilizzato come ala destra e definitivamente eletto alla mezzala destra nella formazione di Scopigno che lo impiegò alle spalle dell’attacco guidato da Riva con Bobo Gori e Angelo Domenghini.

Repubblica.it