Il silenzio ci fa vivere meglio: ecco perchè e il segreto per assaporarlo anche nel caos urbano

Il silenzio non ci appartiene più. Siamo travolti da rumori di ogni tipo, continuamente per tutto l’arco della nostra giornata. In più spesso sono rumori assordanti, invadenti e disturbanti che minano il nostro benessere.

Provate a farci caso proprio in questo momento. Quali rumori sentite? Se non avete la fortuna di essere in mezzo ad un bosco, sulle rive del mare o in una passeggiata in montagna di certo i rumori che vi accompagnano durante la vostra vita saranno quelli delle automobili, dei telefoni che squillano, della televisione… Pensate a chi abita o lavora vicino ad una strada molto trafficata o vicino alla stazione dei treni o comunque in una zona dove regna sovrano il rumore.

Rumori forti e invasivi che non ci permettono di concentrarci e di focalizzarci e gustarci il nostro presente.
Ma noi abbiamo un bisogno assoluto del silenzio. E’ una condizione che ci rilassa, che ci invita alla riflessione, che ci costringe ad abbandonarci. E forse queste azioni sono talmente temute che spesso siamo noi stessi a voler coprire il silenzio con rumori assordanti. Per non riflettere, per non pensare, perchè siamo a disagio in questa condizione di vuoto apparente e la vogliamo immediatamente colmare con qualsiasi cosa.

E’ ciò che accade anche alla presenza di altre persone. Chi di voi riesce a sostenere il silenzio per tanto tempo con una persona? Cerchiamo di colmarlo con parole senza senso o anche con la fuga. Il silenzio ci pesa perchè non siamo più in grado di comunicare con esso, dobbiamo ricorrere alle parole altrimenti ci sentiamo persi.

Ci siamo dimenticati, invece, che per dialogare in modo sano con qualsiasi persona sono necessarie pause di silenzio in cui si riflette, momenti di silenzio in cui si ascolta. Solo così le parole possono uscire in modo costruttivo e buono. In caso contrario escono a raffica senza senso, solo con la pretesa di voler riempire un vuoto.