INDIVIDUATO E DENUNCIATO DALLA POLIZIA DI STATO L’UOMO CHE MOSTRAVA LE PROPRIE PARTI INTIME A MINORI

E’ stato individuato e denunciato dagli uomini delle Volanti della Questua di Rimini l’uomo che alcuni giorni fa si era reso responsabile di atti osceni, denudandosi e rivolgendosi ai minori che giocavano in spiaggia.

Erano quasi le 23, quando i poliziotti della Questura di Rimini, su disposizione della Sala Operativa si sono recati in uno dei bagni del lungomare sud di Rimini, da dove era giunta la segnalazione da parte di alcuni genitori che parlando con i propri figli, avevano riconosciuto l’uomo che, nelle serate precedenti, in più occasioni si era calato i pantaloni mostrando ai minori lì presenti le proprie parti intime.

Giunti sul posto i poliziotti delle Volanti, raggiunti immediatamente dal personale specializzato in reati contro i minori della Divisione anticrimine e della Squadra Mobile della Questura di Rimini, hanno subito raccolto le denunce e le dichiarazioni dei presenti ricostruendo l’accaduto.

Le bambine minorenni, secondo quanto raccontato ai poliziotti, hanno riconosciuto nell’uomo denunciato – descritto con una maglia di colore giallo, pantaloni lunghi tipo jeans e occhiali da vista – la persona che nelle serate precedenti, aveva mostrato loro le sue parti intime, toccandosi ripetutamente.

I poliziotti, anche con l’aiuto dei genitori di quelle bambine, dopo pochi minuti di ricerca sull’arenile, hanno rintracciato l’uomo, seduto su una sdraio in una zona buia della spiaggia che alla loro vista si toglieva gli occhiali dal naso tentando di spettinarsi.

L’uomo a quel punto è stato bloccato in sicurezza dagli operatori e condotto presso gli Uffici della Questura di Rimini, mentre le bambine  (unitamente ai loro genitori, che a fatica sono riusciti a mantenere la calma) sono state sentite dagli specialisti della Polizia di Stato.