Universitari di sinistra all’attacco di Azione universitaria Firenze: “Siete fascisti”. La morte del dialogo e della democrazia

Clima da anni di piombo all’Università di Firenze. Nella giornata di giovedì 6 ottobre, alcuni balordi hanno imbrattato la porta dell’aula Borsellino, stanza di rappresentanza di Azione Universitaria Firenze, concessa dall’università in quanto lista eletta negli organi di Ateneo. Sulle porte d’ingresso dell’aula sono state fatte scritte minatorie, riportanti frasi come “fascista lurido razzista” e “fascio attento! Fischia ancora il vento!”, con immagini di ghigliottine e minacce di morte.

Insomma, la democrazia viene minata anche a livello universitario è sempre più la disonestà e l’intimidazione di chi non la pensa allo stesso modo entrano al centro del comportamento di gente che non sa dialogare. “Il fatto, commesso probabilmente da ragazzi appartenenti ad un movimento ideologicamente opposto al nostro, ci sconcerta profondamente – spiega Angela Sorice, presidente provinciale di Azione universitaria, Lorenzo Allegrucci, consigliere AU di scienze politiche e e Gabriele Dini, responsabile per la facoltà di giurisprudenza -.

È possibile che ancora oggi debbano essere portate avanti azioni cariche d’odio politico, specialmente nelle università pubbliche, che dovrebbero essere il primo baluardo del confronto, della crescita morale e del rispetto?” E proseguono: ” Nonostante le parole del rettore, successive alle minacce e all’aggressione fisica da noi subita lo scorso aprile, l’estrema sinistra universitaria continua ad ostacolare in maniera violenta la presenza di organizzazioni studentesche democraticamente elette dagli studenti, al contrario loro che occupano aule illegalmente e commettono atti intimidatori indisturbati.