“Rispediamolo in Pakistan e facciamogli scontare la pena ‎a casa sua”

“Rispediamolo in Pakistan e facciamogli scontare la pena ‎a casa sua”: parla così il coordinatore dell’esecutivo nazionale di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, commentando il grave omicidio ai danni di una donna avvenuto in provincia di Pistoia per mano di un richiedente asilo pakistano. “Se fossimo una Nazione seria, dovremmo rimandarlo immediatamente in Pakistan, invece abbiamo Alfano come ministro degli Interni e Renzi presidente del Consiglio. Tra qualche mese, tra amnistie, sconti di pena e permessi premio lo troveremo a spasso nelle nostre strade e ospitato da qualche cooperativa a spese nostre”.

E poi prosegue: “Questo episodio è il triste simbolo di ciò che è diventata l’accoglienza in Italia pur di ‎alimentare gli affari per le cooperative, il nostro governo accetta lo status di profugo da persone che altre nazioni respingono. Continuare a fare i finti buonisti per alimentare l’invasione e il conseguente business – conclude Donzelli – porterà alla distruzione della nostra società”.

Roma, 9 ottobre 2016
Chiara Giannini