Terremoto a Norcia “Come l’Irpinia nel 1980”

Il sisma è stato chiaramente sentito a Roma come A Firenze. Telefonate allarmate ai vigili del fuoco in molte città. Molti crolli in tutta la zona rossa, a Castelsantangelo e Nocelleto. Ad Amatrice sono crollate la torre civica e la chiesa di Sant’Agostino a seguito della nuova forte scossa di questa mattina. La scossa è stata avvertita chiaramente anche a Napoli, Genova e persino a Bolzano. Commenti di gente terrorizzata sui social network. Il premier Matteo Renzi è in contatto con il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, che è a Rieti dopo la nuova forte scossa di terremoto.

“Come l’Irpinia”. Il terremoto di oggi del 6.5 con epicentro vicino a Norcia, in Umbria, è il più violento degli ultimi decenni in Italia. Quello del Friuli del 1976 fu di magnitudo 6.4 della scala Richter. La scossa principale dell’Aquila del 2009 fu del 5.8, quello di Umbria e Marche del 1997 del 6.1. Anche quello del Belice, del 1968, fu del 6.1. Solo in Irpinia, nel 1980, la magnitudo fu del 6.5 della scala Richter, pari a quella odierna, e causò 280.000 sfollati, 8.848 feriti e 2.914 morti.

LEGGO