Inviano 60 profughi. Il Sindaco: ‘Non voglio loro, ma i nostri terremotati.’ Ed ecco cosa fa – FOTO

Ecco come il sindaco spiega la sua idea: “Sono vicino alle persone appena colpite dal terremoto. La proposta che porterò avanti, sia con il Vescovo e con il Prefetto, é quella di usare la casa vacanze della curia, appena assegnata a 60 cittadini stranieri, come accoglienza per le persone terremotate che hanno perso la loro casa. Qualsiasi padre di famiglia darebbe prima ai propri figli che agli altri. Io penso prima ai nostri connazionali che agli stranieri. Mi sembra un ragionamento naturale, automatico. Chi non lo farebbe?”.

Roma, 3 novembre 2016
fonte direttanes