Pesca di frodo con esplosivi, arresti

Militari della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza e della Capitaneria di Porto di Taranto stanno eseguendo, su disposizione del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale ionico e su delega della locale Procura della Repubblica, 14 ordinanze di custodia cautelare (cinque in carcere e nove ai domiciliari) nei confronti di altrettanti indagati accusati di illegale fabbricazione e detenzione di ordigni e sostanze esplosive, finalizzata alla pesca di frodo, nonché per i delitti di inquinamento e disastro ambientale (gli “ecoreati” inseriti nel codice penale).

L’operazione è stata denominata “Poseydon”.

fonte Ansa

Roma, 3 novembre 2016