Questo animale assurdo non è un fake: esiste davvero ed è stato salvato dalla morte. Di cosa si tratta

Accade di rado di imbattersi in un oritteropo. Eppure è successo in Sudafrica a una donna con sua figlia, che hanno salvato la vita a un animale di questa specie.

La piccola era stata trovata nei pressi di un oleodotto in una fattoria in Namibia. Non si sa molto sulla sua vita precedente, ma è probabile che abbia vissuto lì almeno un paio di giorni prima di essere trovata.

Accade di rado di imbattersi in un oritteropo. Eppure è successo in Sudafrica a una donna con sua figlia, che hanno salvato la vita a un animale di questa specie.

La piccola era stata trovata nei pressi di un oleodotto in una fattoria in Namibia. Non si sa molto sulla sua vita precedente, ma è probabile che abbia vissuto lì almeno un paio di giorni prima di essere trovata.

L’animale è stato inserito nel centro di riabilitazione Zuri Orphanage. E adesso il cucciolo sta molto meglio. Erika l’aveva chiamato il E.T., poi Gertie, come nel famoso film. «Ho impiegato tre giorni per convincerla a bere – ha detto Erika -. e ho anche comprato ogni tipo di biberon. Ma ora il suo stato di salute è decisamente migliorato».

Gli oritteropi sono creature notturne, che producono un verso simile a quello di un capretto. Sono minacciati dal commercio della carne e dalla perdita del loro habitat naturale. Ma sono una specie a basso rischio di estinzione, anche se i numeri di esemplari stanno diminuendo.

«Me la porto anche al lavoro, anche se lei dorme quasi sempre durante la giornata – dice Erika -. Le voglio molto bene». Aggiunge: «Quando Gertie sarà cresciuta, verrà lasciata in libertà. Amo osservarla. Lei è molto bella, e io mi sento fortunata ad averla adottata e ad averla fatta entrare nella mia vita».

Il Secolo XIX