“C’è qualcosa in fondo al mare” Un suono che spaventa non solo gli animali. Si mobilita l’esercito

“C’è qualcosa in fondo al mare” Un suono che spaventa non solo gli animali. Si mobilita l’esercito

Uno strano rumore, una sorta di “Bep” a ripetizione sta spaventando non solo gli animali nella zona al confine con il circolo polare Artico. Una squadra di investigatori è stata inviata sul posto

L’esercito canadese ha inviato una squadra per indagare su un misterioso suono “beep” proveniente dalle profondità del mare Artico. A Nunavut l’intera comunità stanziata ai bordi del circolo polare artico è sconcertati da un suono descritto anche come un “ronzio” e di un “ping” che si è udito per tutta l’estate mettendo in fuga gli animali da un posto altrimenti eccezzinale per la pesca.

Sono stati in molti a riferire di aver sentito il suono e molte sono state le teoria avanzate per spiegare quello che rimane a tutt’oggi un mistero che sta rovinando l’economia della zona.

Una società mineraria potrebbe svolgere inchieste usando i sonar, ma la Baffinland iron mine Corporation ha spiegato di non avere attrezzature in acqua.

Un’altra teoria chiama in causa Greenpeace che avrebbe generanto il suono per terrorizzare la fauna selvatica: “Già in passato di gruppi come Greenpeace hanno messo sonar sul fondo marino per far scappare i mammiferi marini in modo tale che gli Inuit non possano dar loro la caccia” ma nessuno ha mai visto qualsiasi tipo di nave o qualsiasi cosa si muova attraverso quella zona”.

TODAY