Migranti baby squillo per andare Francia

L’ombra di un giro di baby prostitute tra migranti minorenni, che venderebbero il proprio corpo per trovare i soldi con cui espatriare in Francia.

A mettere in luce una eventualità del genere è il collettivo solidale “Progetto20k”, che in un passaggio di un comunicato postato sulla propria pagina Facebook, nel quale si formulano nuove accuse al sistema di accoglienza dei profughi a Ventimiglia, lancia un allarme: “… Girano voci riguardo una brutta storia di prostituzione: le migranti minorenni vendono il proprio corpo per 5 euro finché non raggiungono la quota necessaria a pagare un passeur che indichi loro come valicare la frontiera”. Che si tratti di un fenomeno esistente non è escluso, ma carabinieri e polizia non avrebbero finora ricevuto denunce o segnalazioni: le forze dell’ordine non escludono che possano essere avvenuti episodi sporadici.

Roma, 5 novembre 2016