La parlamentare Pd: “Trump peggio del sisma”

La vittoria di Donald Trump alle presidenziali americane non è piaciuta alla sinistra italiana. E già arrivano le prime dichiarazioni abbastanza forti in tal senso.
A vincere il premio di “commento choc” del giorno è Ileana Argentin, deputata del Pd, che in una trasmissione radiofonica ha pensato bene di paragonare la vittoria del candidato repubblicano al devastante sisma che ha colpito il centro Italia. Anzi, ha definito Trump una “catastrofe peggiore”. Certo non potranno essere contenti gli sfollati e i famigliari delle vittime.
Ecco la dichiarazione.

“Questa elezione è una tragedia non potevamo avere una notizia più brutta, l’unica cosa che ci può aiutare è pensare che il 2016 è un anno bisestile. Incredibile, una disgrazia dopo l’altra. Per me l’elezione di Trump è peggio del terremoto francamente”. E ancora: “Il governo di Obama è stato straordinario. Trump ha dimostrato di essere razzista, lontano dalla quotidianità e dalla normalità del vivere comune, quindi è un po’ un essere che scende con i suoi milioni di dollari in un Paese. Con il potere che avrà combinerà tanti guai anche se mi auguro che poi tutto rientri in una situazione di normalità. All’elezione di Trump non riesco ancora a credere. Trump potrebbe essere una vera e propria miccia che con facilità metterà i fucili in mano alla gente. E la cosa che mi manda in follia è che gli americani ancora una volta credono che tutto si possa cambiare con l’arroganza, con chi grida più forte”.

Scontate le repliche indignate degli esponenti dell’opposizione: “Sono di Fabriano – ha risposto la deputata marchigiana M5s, Patrizia Terzoni – e insieme a tanti miei corregionali e cittadini delle altre regioni colpite stiamo vivendo settimane terribili, nel costante terrore che la terra torni a tremare. Abbiamo avuto quasi 300 morti, decine di migliaia di sfollati, persone che hanno perso tutto, territori azzerati. Davvero è anche difficile trovare gli aggettivi giusti per definire queste dichiarazioni”.

Riccardo Ghezzi
Roma, 10/11/2016