LO SCANDALO NELL’ARMA: CARABINIERI SPACCIAVANO LA DROGA SEQUESTRATA DAI COLLEGHI. DETTAGLI TERRIBILI NELL’ARTICOLO

ACQUISTO DELLO STUPEFACENTE – Più in particolare, le complesse ed articolate indagini hanno consentito di chiarire il ruolo avuto da alcuni soggetti che avevano offerto la loro permanente disponibilità all’acquisto dello stupefacente trafugato dai militari per la successiva rivendita. In particolare i quattro carabinieri infedeli si occupavano della custodia e della successiva commercializzazione dello stupefacente sottratto nel corso di sequestri antidroga.

Roma, 16 novembre 2016
Fonte Romatoday