Il campo profughi di Rosarno un macello pagato dallo Stato

Carcasse di animali, sporcizia e prostituzioni. Così vivono 800 persone, anche nelle tende del Viminale.

Piana di Rosarno, terra di nessuno dimenticata anche da Dio. da dieci anni al limite della zona industriale  c’è un campo profughi la cui situazione igienica è sconvolgente. Già all’ingresso, scendendo dall’automobile, ti arriva dritto alle narici un odore acre di sangue fresco e di cadavere.

Nei giorni scorsi a Rosanno ha fatto visita anche il Segretario Generale  del SAP, sindacato autonomo di polizia, Gianni Tonelli. ” E’ indegno quello che ho visto- e mi stupisco del fatto che non sia ancora smantellato. Credo che vi sia una responsabilità grossissima delle istituzioni. Ho visto tantissime tende del ministero dell’Interno e questo mi ha indignato perchè di fatto si collabora al perpetrarsi della vergogna. Si riempiono tutti la bocca di antimafia e poi , conclude, in questa terra di calabria negli ultimi anni sono venuti meno dai 1500 ai 1700 uomini nelle forze dell’ordine di cui 700 solo a Reggio calabria”…..

Leggi l’articolo su IL GIORNALE

di Chiara Giannini