Trucchi e consigli per pulire il box doccia (e dire addio ad aloni e calcare)

Per eliminare i depositi di calcare e sapone del box doccia di casa è consigliabile lavare sempre le pareti a fondo con un panno-spugna e un detergente specifico. Successivamente asciugare bene con un panno in microfibra o cotone.

E per evitare le antiestetiche macchie d’acqua che si depositano sulle pareti e sui vetri della doccia, è opportuno asciugarle subito dopo ogni utilizzo.

Inoltre, per le docce che presentano pareti rivestite in marmo o in pietra è meglio evitare di utilizzare qualsiasi prodotto anticalcare, o detergenti che contengano sostanze anticalcare, anche se in piccole dosi.

Altro importante accorgimento, è certamente quello di fare in modo che lo scarico della doccia non si otturi. Per questo motivo, è molto importante liberarsi prima dei capelli morti.

Non dimenticate, inoltre, di sollevare sempre la pedana o il tappetino, una volta terminata la doccia, per fare in modo che si asciughi e non faccia muffa.
Una volta ogni è bene lavarlo, disinfettarlo con un detergente adatto.

Inoltre, quando il box doccia ha la tenda si consiglia deve aerare sempre l’ambiente per velocizzarne l’asciugatura. Periodicamente lavare la tenda in lavatrice insieme a due asciugamani per proteggerla, senza centrifugare e con l’aggiunta di mezzo misurino di detersivo, e mezzo di bicarbonato di sodio.

Altro consiglio, per mantenere i rubinetti brillanti ed evitare la formazione di antiestetiche macchie d’acqua è importante dopo averli usati asciugarli sempre con un panno in microfibra. Nel caso si presentino molto sporchi usare sempre prima un panno-spugna con detergente igienizzante.

Altra raccomandazione, è quella di pulire il rompigetto, affinché non si depositi il calcare e i depositi sabbiosi si accumulino rischiando di otturare i fori.

Infine, il filtro a raggiera va tolto e immerso in un bicchiere di aceto caldo per un paio d’ore o in alternativa in un anticalcare specifico.

fonte