FABRIZIA DI LORENZO: CHI E’ LA 31ENNE ITALIANA DISPERSA A BERLINO DOPO L’ATTENTATO

“Ciao mamma, come stai? E papà? Io bene, tranquilla. Sto andando al mercatino di Natale, in centro. Voglio prendere qualche regalo, ci sono cose carine lì… Sì, certo, ci vediamo mercoledì [oggi, nd]”. Le ultime parole che Fabrizia Di Lorenzo ha rivolto alla sua famiglia sono quelle di una giovane che non vede l’ora di tornare finalmente a casa per le vacanze di Natale. La 31enne di Sulmona da ieri mattina è ufficialmente  dispersa, da quando cioè non si è presentata al lavoro nell’azienda di Berlino dove lavora. Il suo cellulare è stato ritrovato sul luogo dell‘attentato del camion killer nella capitale tedesca, nella zona dei mercatini di Natale del quartiere di Charlottenburg. La madre, insieme al fratello sono subito partiti per Berlino per il riconoscimento di quel corpo dal volto sfigurato. Impossibile però dire se è quello di Fabrizia. “Abbiamo capito che era finita lunedì notte all’una e mezza” ha ammesso il padre Gaetano. “Siamo stati noi a chiamare la Farnesina – ha aggiunto – Ci siamo mossi con i nostri canali, ma da quanto mi dice mio figlio da Berlino, non dovrebbero esserci più dubbi. È lì con mia moglie in attesa del dna, aspettiamo conferme ma non mi illudo”. La conferma ufficiale arriverà dopo la comparazione del profilo genetico, come avviene per tutte le vittime non identificate. Molto probabilmente nella giornata di oggi.
“È un dolore troppo grande…sento che mi ha abbandonata… Era così contenta, felice di essere lì.. è triste che una persona esca dal lavoro e non rientri più”. Ha detto invece Giovanna, la madre di Fabrizia, durante la comunicazione telefonica con il vescovo di Sulmona Angelo Spina, che ha assicurato la vicinanza nella preghiera dell’intera Diocesi