Il lucernario si rompe: Eugenio, 15 anni, si è spento all’ospedale a pochi giorni dal Natale…

A sei giorni da Natale Eugenio Mucci, 15 anni, è morto. Si è spento all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina dopo aver fatto un volo di quasi 10 metri da un tetto di un centro commerciale, dove stava trascorrendo il tempo con due amici del quartiere.

Ha messo un piede su un lucernario in plexiglass che si è rotto ed è iniziata la disperata corsa contro il tempo per tentare di salvare la sua giovane vita. Purtroppo, però, dopo tre giorni di agonia si è spento lasciando la famiglia e un vuoto incolmabile in tutti coloro che per la città avevano incontrato anche una sola volta il suo sguardo ingenuo. Sul corpo è stata effettuata un’autopsia e la Procura ha aperto un’inchiesta per accertare eventuali responsabilità su quella porticina in legno aperta che ha consentito ad Eugenio di salire sul tetto.

La famiglia, intanto, ha deciso di donare gli organi: cuore, rene e fegato sono volati verso Torino e Tor Vergata per salvare quattro vite umane. Non c’è stata nessuna camera ardente e, in queste ore, verrà deciso quando si svolgeranno i funerali. Il papà di Eugenio, però, ha espresso un desiderio. «Avrei un unico desiderio da chiedere alla mia città – ha scritto -. Vorrei venisse piantato un albero al centro del giardino di via Tuscolo, di fronte l’uscita posteriore della scuola frequentata da Eugenio, è vicino alla piazzetta dove si incontrava con i suoi amici. Mi piacerebbe che alla base avesse un muretto a forma di fiore con cinque petali, uno per ogni componente della sua famiglia. Un luogo su cui riflettere sul dono più importante che è la vita. Solo questo, solo questo».

Queste poche righe sono stampate su una scatola che si trova nella sede di Latina Bene Comune, la lista civica che ha vinto le elezioni di cui il padre è stato sostenitore dopo aver portato avanti battaglie contro il cemento selvaggio in città. Si trova a Latina, in Corso della Repubblica ed è esposta in questi giorni per raccogliere offerte e realizzare il desiderio del papà.

Il Gazzettino