ATTENZIONE, FANNO MALISSIMO E NON DOVETE MANGIARLI SPESSO: ECCO PERCHE’!

Sappiamo bene che per tenerci in forma e in buona salute dovremmo seguire un’alimentazione sana, ma a volte è molto difficile non cedere alla tentazione. Mangiare senza grassi e calorie, infatti, influisce anche su tutti gli altri aspetti della propria vita quotidiana. Ci sono cibi che riducono il rischio di cancro, altri che devono essere evitati prima del sesso ed altri ancora che fanno male al cervello. Scopriamo ora quali sono gli alimenti da evitare perché fanno male, fanno ingrassare e perché non sono nemmeno così gustosi.

1. Formaggio americano – Il formaggio americano, quello solitamente utilizzato nei panini dei pub, non è un formaggio vero e proprio, ma è una miscela di grassi, proteine, emulsionanti e coloranti. Ha un’elevata quantità di sodio, tanto da essere più dannosa per il proprio corpo rispetto ad una fetta di carne o a qualsiasi altro latticino.

2. Insaccati – Prosciutto, salame o mortadella hanno molto più sodio e conservanti rispetto alle carni rosse non trasformate. Spesso contengono anche additivi chimici, che vengono utilizzati per migliorarne il colore e per prevenire il deterioramento. Sarebbe meglio evitare di mangiarli ogni volta che se ne potrà fare a meno.

3. Margarina – La margarina viene solitamente considerata l’alternativa “sana” al burro, ma allo stesso tempo contiene sale e grassi che ostruiscono le arterie, favorendo l’evolversi di malattie cardiache. L’opzione migliore sarebbe quindi l’olio, un ingrediente naturale decisamente più sana della margarina.

4. Caramelle senza zucchero – Le caramelle senza zucchero solitamente contengono lo stesso dei dolcificanti artificiali, che il sistema digestivo non riesce a sintetizzare con molta facilità. Abusandone, si potrebbe andare incontro a gravi problemi di stomaco.

5. Pop corn da microonde – I pop corn che si preparano nel forno a microonde spesso sono rivestiti con una sostanza chimica chiamata acido perfluorottano sulfonato, che ha delle ripercussioni sulla fertilità, sul rischio di cancro e sul funzionamento dei reni. Sarebbe meglio dunque eliminarli del tutto dalla propria dieta.