Yacht va a fuoco, tre morti a Loano

Tragedia nei mari che ha sconvolto il clima natalizio, anche primaverile fuori stagione, della riviera ligure di Ponente. Tre persone sono morte nell’incendio di una imbarcazione a Loano, in provincia di Savona. L’incidente è avvenuto questa mattina. La barca, uno yacht era ormeggiata nel porticciolo della cittadine ligure. A bordo c’erano quattro persone, due uomini e una donna. Quando è scoppiato l’incendio, l’intervento del 118 è stato immediato, assieme a vigili del fuoco e capitaneria di bordo, ma solo una persona è stata tratta in salvo. Le altre tre sono tutte morte. Le vittime sono tedesche.

La persona salvata è una donna di 51 anni che è riuscita a tuffarsi in acqua prima di essere divorata dalle fiamme, che invece hanno impedito agli altri di uscire dalle cabine.
Le vittime sono la sorella della sopravvissuta e i due compagni delle donne. Una morte atroce I soccorritori hanno tentato il tutto per tutto per estrarre le persone dall’imbarcazione, anche provando a tagliare lo scafo, ma le vittime sono rimaste intrappolate nella cabina di prua e divorate da fumo e fiamme.
I vigili del fuoco sono intervenuti anche con il carro autoprotettori per la riserva d’aria e con una autobotte.
Su questo incidente sarà aperto un fascicolo per incendio colposo e omicidio colposo. A rivelarlo il sostituto procuratore Massimiliano Bolla, che sentirà come testimone anche l’unica sopravvissuta, la tedesca di 51 anni:  “Al momento è molto difficile capire di più – ha commentato il magistrato -, perché il relitto sta ancora bruciando e sta parzialmente affondando. La Guardia Costiera, i vigili del fuoco e i carabinieri sono tutti impegnati a eseguire i primi accertamenti tecnici e capire le cause dell’incendio. Sarà necessario eseguire accertamenti molto mirati e specifici”.

Riccardo Ghezzi
Savona, 30/12/2016