Carta di credito smarrita per pagare rifornimenti in cambio di denaro contante: due arresti dei Carabinieri

I  Carabinieri della Stazione di Melzo (MI) hanno  tratto in arresto due italiani di 39 e 47 anni, il più giovane dei quali già noto alla Giustizia, ritenuti responsabili di indebito utilizzo di carte di credito.
I militari sono intervenuti presso un’area di servizio di Vignate, su richiesta del gestore che aveva ricevuto un alert automatico nel momento in cui due uomini pagavano un pieno di carburante con una carta di credito per rifornimenti emessa da una società petrolifera. Giunti sul posto, gli operanti hanno constatato che i due complici avevano utilizzato la carta di credito per pagare il rifornimento ad un’ignara automobilista, dalla quale, con una scusa, si erano fatti consegnare il corrispettivo in denaro. Gli immediati accertamenti hanno permesso di appurare che lo strumento di pagamento, intestato ad una società di autonoleggio, era stato smarrito dal titolare ed utilizzato indebitamente per effettuare rifornimenti per oltre 1.300 euro.
Gli arrestati compariranno innanzi al Giudice della direttissima.

Vignate(Milano), 8 gennaio 2017