“Pezzi di merda. Anzi, sono..”. Fiorello eroe nazionale: Charlie Hebdo beccati questa!

La vignetta satirica di Charlie Hebdo sulla tragedia dell’hotel Rigopiano ha scatenato il commento furioso di Fiorello. La rivista francese ha pubblicato una scena in cui la Morte è su un paio di sci, metafora della valanga che ha travolto l’albergo abruzzese, con un fumetto che recita: “La neve è arrivata, ce ne sarà per tutto il mondo”.

Nel corso della sua rassegna stampa, Fiorello si è soffermato sulla vignetta: “Fortuna che ci siete voi di Charlie – ha detto con sarcasmo – Non dico niente, ma io sto già aspettando il primo italiano, i primi comici nicchiati che diranno ‘è satira, bisogna rispettare il diritto di satira, la satira è sacrosanta e deve far indignare…'”.

Anche dopo il terremoto di Amatrice, la rivista satirica francese si era dilettata con una vignetta che raffigurava una “lasagna di corpi e macerie”, rivendicando anche in quell’occasione il diritto di satira. “Io però aggiungo che la satira dovrebbe anche far sorridere – ha aggiunto Fiorello – La satira secondo me è sberleffo ai potenti. È così che nasce. Io qui non riesco a capire e giustificare questa vignetta”.

Smaltito l’approccio diplomatico, Fiorello non riesce a trattenere una chiosa tutta personale: “Io una riflessione ce l’avrei: a’ pezzi de merda! – ha urlato tra gli applausi del pubblico – Sono populista e demagogico, ma anche io ho la libertò di dire ciò che voglio. Ma non glielo dico ‘pezzi di merda’. Sennò la merda potrebbe offendersi”.

liberoquotidiano