‘Controllate bene l’etichetta prima di comprarli’

E’ stato denunciato un commerciante che vendeva pomodorini albanesi spacciandoli per italiani.

La Guardia di Finanza di Ragusa ha scoperto la frode messa in atto da un uomo di Vittoria attivo nel mercato ortofrutticolo del paese.

L’indagine ha riguardato una società operante nel settore del commercio all’ingrosso di frutta e ortaggi, dove erano state riscontrate delle anomalie sulla provenienza e la tracciabilità dei prodotti ortofrutticoli.

In un caso specifico è stato accertato che l’azienda ha acquistato circa 200 quintali di pomodori, varietà “tondo liscio a grappolo”, dall’Albania, e una volta entrati in Italia dal porto di Bari, è stato fatto figurare che una parte dei pomodori era destinato al mercato ortofrutticolo di Padova, ma di fatto dirottato su Vittoria.

Il pomodoro albanese è stato confezionato e mischiato con quello locale, consentendo così di poter destinare alla vendita una maggiore quantità di prodotto, solo all’apparenza tutto di altissima qualità e “made in Sicily.

Il tutto, tra l’altro, in un periodo dell’anno in cui il pomodoro ha un valore di mercato elevato, permettendo così di ottenere un illecito guadagno di ben 20.000 euro.