Maltrattamenti e lesioni gravissime. arrestato 35enne

I carabinieri della Stazione di Rimini Flaminia nel corso di un intervento per una lite in famiglia hanno tratto in arresto in flagranza un 35enne, per maltrattamenti in famiglia e lesioni gravi. L’uomo, in evidente stato alterazione psicofisica verosimilmente determinato da abuso di sostanze stupefacenti, rientrato a casa in compagnia di una donna conosciuta occasionalmente in discoteca, seguito conseguente acceso litigio, aggrediva violentemente la suocera convivente, di anni 57, colpendola ripetutamente alla testa con pugni e un bastone in legno. Nonostante, infatti, l’uomo si stesse separando dalla figlia, aveva continuato a vivere nell’appartamento sottostante a quello della madre, che infastidito dal suo atteggiamento e della volontà di imporre la presenza di conoscenze occasionali, l’aveva raggiunto a casa per chiedere spiegazioni, innescando la sua violenta e folle reazione.
La donna, che da ulteriori accertamenti in corso, sarebbe stata già vittima di analoghe aggressioni da parte del genero, riportando lesioni non refertate per timore di eventuali ritorsioni, questa mattina dopo l’ennesima aggressione, ha avuto la forza di richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine e soccorsa e traportata dai sanitari 118 presso il Pronto Soccorso del locale ospedale, veniva ricoverata in prognosi riservata.
L’aggressore finito in manette è stato accompagnato, su disposizione del P.M. di turno, presso il Carcere di Rimini.

Rimini, 21 febbraio 2017