Faceva il catechista ma era un noto pedofilo: “Pratiche orribili sui minori”

Salemi avrebbe conosciuto la presunta vittima proprio perché frequentava la sua cartolibreria. Le avrebbe proposto di darle ripetizioni scolastiche gratuite per aiutarla negli studi.

Lei e la sua famiglia avrebbero accettato e così la ragazzina sarebbe andata più volte a casa dell’indagato. L’estate scorsa, però – secondo la ricostruzione dell’accusa – l’uomo avrebbe costretto la giovane a spogliarsi, l’avrebbe toccata e l’avrebbe anche ripresa con il cellulare.

Un’ipotesi che Salemi, durante l’interrogatorio di garanzia, ha respinto: ha ammesso di conoscere la ragazza, di averle dato lezioni, ma ha negato fermamente di aver abusato di lei.

Salemi ha precedenti specifici: è già stato condannato nel 2003 dal tribunale di Termini per detenzione di materiale pedopornografico e nel 2007 dai giudici di Siracusa per lo stesso reato.