Fuma in auto con figlio di 8 anni a bordo: per lei una multa salatissima

Fuma in auto con figlio di 8 anni a bordo: per lei una multa salatissima

Genova. Per spiegarle che stava violando la legge i carabinieri hanno usato la massima delicatezza possibile. Anche e soprattutto per non turbare il bimbo di otto anni che, seduto sereno sul sedile posteriore, attendeva di essere accompagnato dai genitori al torneo di calcio.

E così i militari dopo aver sorpreso Marta, casalinga genovese di 33 anni, intenta a fumare sull’auto insieme al figlio e al marito le hanno chiesto di scendere un momento dalla macchina e di seguirli. Poi a distanza di sicurezza sono andati diritti al sodo. «Signora, in macchina c’è un minore. Lo sa che è vietato fumare?», le hanno domandato con una certa fermezza.

Per Marta che ancora stringeva quella sigaretta tra le mani e non capiva quel comportamento dei militari è stato come un “fulmine a ciel sereno”.

Pontedecimo, periferia di Genova, sabato pomeriggio. Quello che accade al termine di un semplice controllo stradale è tra le prime applicazioni della nuova legge introdotta dal governo Renzi e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale nel gennaio 2016: vieta di fumare in auto a donne in stato di gravidanza oppure se nell’abitacolo c’è un minore.