Autovelox, occhio alla seconda multa: “In molti non lo sanno”

Questo perché la polizia deve provvedere, solo e unicamente nei suoi confronti, alla decurtazione dei punti dalla patente. Così quello che apparentemente potrebbe sembrare un invito è un vero e proprio obbligo, la cui violazione può comportare una seconda multa salatissima. L’obbligo di comunicare i dati dell’effettivo conducente vale per qualsiasi multa?

No, vale solo per quelle multe che non siano state contestate immediatamente al conducente e che comportino la decurtazione dei punti dalla patente.

Il Codice della strada infatti non prevede eccezioni: in caso di multa autovelox ricevuta a casa, anche se a guidare era lo stesso proprietario del veicolo, lo stesso che sta pagando la multa, bisogna specificarlo. Si hanno 60 giorni di tempo dalla notifica del verbale per completare la comunicazione ed evitare così la “doppia multa”.

today