Il poliziotto eroe, la professoressa e il turista in viaggio di nozze: ecco le vite spezzate dalla follia islamica

Il poliziotto eroe, la professoressa e il turista in viaggio di nozze. Le vite spezzate

Un poliziotto, una insegnante di origine spagnola e un turista americano. Sono le tre vite spezzate dall’attacco condotto ieri di fronte al Palazzo di Westminster da un terrorista britannico, identificato come Khalid Masood, anch’egli morto nel pomeriggio di sangue che ha sconvolto il Regno Unito.

L’agente KEITH PALMER, 48 anni, era di guardia ai cancelli del parlamento quando ha cercato di fermare l’attentatore con due coltelli nel suo tentativo di penetrare dentro il palazzo della politica. Lo ha affrontato disarmato, come sono molti dei ‘bobbies’ di Londra, ed è morto per le ferite riportate nell’aggressione.

“Un vero eroe”, lo ha definito la premier britannica Theresa May, ricordando commossa il suo sacrificio alla Camera dei Comuni.

Molti deputati sono intervenuti e hanno chiesto che sia ricordato con un monumento o una targa all’interno del parlamento.

“Lo conoscevo molto bene, ero con lui nell’esercito, e lo avevo ritrovato qui in parlamento”, ha detto il conservatore James Cleverly, trattenendo a stento le lacrime. Un suo collega, il Tory Tobias Ellwood, aveva cercato di salvare l’agente ferito prestandogli i primi soccorsi, ma senza riuscirci. Palmer in poche ore è così diventato l’eroe nazionale di questa tragedia.

Era considerato un veterano, con 15 anni di servizio alle spalle, ma solo da poco era entrato nel servizio di sorveglianza a Westminster.