“Lo stato è assente, mi armo”: chi è il giudice che ha deciso di girare armato

Le parole del giudice hanno scatenato il putiferio. L’Associazione nazionale magistrati reagisce con durezza: «La giunta veneta dell’Associazione resta sgomenta dinanzi alle esternazioni pubbliche del collega Angelo Mascolo e se ne dissocia e si riserva di interessare il collegio dei probiviri per le valutazioni disciplinari».

E ancora: «I magistrati veneti, a differenza del collega Mascolo, credono profondamente nello Stato e si impegnano ogni giorno a difenderlo e a difendere tutti i cittadini senza ricorrere alla violenza o alle forme di vendetta e omicidio che il collega Mascolo richiama a sproposito e pare anzi auspicare»…

Il Gazzettino