L’ultima vergogna: Forze Armate in piedi sui treni, quanto costa la divisa ai pendolari

Forze Armate in piedi sui treni: quanto costa la divisa ai pendolari
Le Forze Armate restano in piedi sui treni, poiché ai pendolari in divisa il viaggio non costa nulla e l’accordo tra Ministero della Difesa e Ferrovie dello Stato prevede che i viaggiatori paganti abbiano la precedenza, non necessariamente in caso di sovraffollamento.

I pendolari con la divisa aumentano il grado di sicurezza nelle vetture e la società di trasporti ripaga il servizio reso con la gratuità del biglietto. Tuttavia, l’accordo non sembra aggiungere il diritto ad un viaggio comodo e ciò ha provocato le reazioni delle Forze Armate, offese dall’annuncio discriminatorio.

L’ordine è stato diramato tramite messaggio audio all’interno delle carrozze in alcune tratte regionali del Lazio: la comunicazione invitava i rappresentanti delle Forze armate in divisa a cedere il posto a sedere ai titolari di biglietto, in quanto paganti. Così come trasmesso, l’annuncio sembra aver decretato le Forze Armate come viaggiatori di serie B e questo è stato giudicato inaccettabile.