Pensioni, gli 11 lavori che danno diritto all’Ape sociale

Per poter fruire dell’anticipo pensionistico con l’Ape sociale a carico dello Stato, sono due le finestre temporali in cui è possibile presentare la domanda

L’Ape sociale è l’anticipo pensionistico senza costi per il lavoratore in condizioni di disagio. Per ottenerlo, ci sarà una graduatoria elaborata in base all’età: otterrà l’indennità, tra coloro che hanno tutti i requisiti, chi è più vecchio. E’ quanto spiegano tecnici del ministero del Lavoro vicini al dossier precisando che le domande potranno essere presentate a partire dal primo maggio e che le finestre di uscita per il 2017 saranno a giugno e a novembre.

Come riporta ilSole24Ore, al momento non è ancora risolta la questione degli anni continuativi di contributi versati per ottenere l’Ape sociale in caso di lavori gravosi. Oltre ad avere 63 anni di età e 36 di contributi, il decreto dovrebbe confermare i sei anni mentre i sindacati hanno chiesto che si considerino sei anni sugli ultimi otto. Una norma per la modifica potrebbe essere messa in campo successivamente.

Per il momento le categorie di lavoratori prese in considerazione per la definizione di “lavoro gravoso” sono undici: