Ferrara, una guardia uccisa e una ferita: sospetti su Igor il russo, giallo sulla cattura

Esplora il significato del termine: La sparatoria a Portomaggiore (Ferrara): l’uomo russo è accusato dell’uccisione del barista Davide Fabbri di pochi giorni fa a BudrioLa sparatoria a Portomaggiore (Ferrara): l’uomo russo è accusato dell’uccisione del barista Davide Fabbri di pochi giorni fa a Budrio

Giallo sulla cattura di Igor il Russo dopo uno scontro a fuoco dove è stata uccisa una guardia ecologica volontaria e ferita gravemente una seconda. Gli investigatori sospettano che a sparare sia stato Igor il Russo, che una settimana fa ha ucciso il barista Davide Fabbri di Budrio. La sparatoria, segnalata dalla Nuova Ferrara, è avvenuta intorno alle 19 lungo la strada provinciale Mondo Nuova, a circa otto chilometri da Portomaggiore, in provincia di Ferrara. L’uomo braccato da giorni dalle forze dell’ordine per l’omicidio del barista di Budrio Davide Fabbri è stato inseguito dalle forse dell’ordine, intercettato a bordo di un’auto tra Marmorta e Molinella, nel Bolognese per poi fuggire ancora a piedi, dileguandosi nelle campagne.

La sparatoria nella Bassa Ferrarese
Secondo una prima ricostruzione la vittima stava controllando la zona insieme con un altro agente lungo la strada provinciale Mondo Nuova, quando ha avvistato un uomo vestito da cacciatore che poteva corrispondere all’identikit di Igor Vaclavic. La dinamica è ancora da chiarire ma sembra che Igor sia riuscito a disarmare uno degli agenti e a sparare contro una guardia ecologica, uccidendola. Poi avrebbe rivolto l’arma contro la seconda guardia ferendola gravemente per poi fuggire a bordo di un fiorino bianco. Braccato dalle forse dell’ordine Igor Vaclavic ha abbandonato l’auto per proseguire la sua fuga solitaria a piedi, facendo perdere le proprie tracce.

corriere.it