VIDEO: ‘Ndrangheta. Operazione Alcova: il latitante Giuseppe Facchineri catturato dai Carabinieri

L’operazione Alcova è stata così denominata in quanto trae origine dal luogo dove è stato catturato Giuseppe Facchineri classe 1970, personaggio di spicco dell’omonima cosca di ‘ndrangheta operante a Cittanova, gravato da numerosi precedenti di polizia per associazione di tipo mafioso, omicidio, strage, rapina, porto abusivo di armi, violenza e minaccia a Pubblico Ufficiale, furto aggravato, ricettazione, già sorvegliato speciale.

Le vicissitudini giudiziarie più recenti di Giuseppe Facchineri risalgono al 2014, allorquando era stato tratto in arresto unitamente alla madre Caterina Facchineri classe 1943 e al fratello Salvatore Facchineri classe 1974, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Palmi – Ufficio gip per estorsione e rapina in concorso aggravate.

Le indagini, inizialmente coordinate dalla Procura della Repubblica di Palmi e successivamente proseguite dalla Direzione Distrettuale Antimafia, con il coordinamento del Procuratore Federico Cafiero De Raho, del procuratore aggiunto Gaetano Paci e del pm antimafia Giulia Pantano, erano state avviate a seguito di una perquisizione di iniziativa effettuata nell’abitazione di un residente del luogo.

In quella circostanza i militari avevano rinvenuto un’agenda e alcuni documenti contabili riferiti a rapporti economici non meglio precisati con componenti della famiglia Facchineri.
Tale materiale era infatti apparso subito molto sospetto, soprattutto in ragione del fatto che l’interessato non era stato in grado di fornire alcuna plausibile spiegazione in merito al contenuto e alla natura del rapporti in questione.