Esiste davvero! Trovato vivo il primo ‘verme’ gigante e nero che mangia zolfo: ecco chi è

Nelle Filippine, i ricercatori hanno trovato a sorpresa un enorme mollusco nero che cercavano da anni: si chiama Kuphus polythalamia.

Erano anni che i ricercatori speravano di trovarne uno e ora finalmente ce l’hanno fatta: ecco svelato l’aspetto fisico del Kuphus polythalamia, un ‘verme’ lungo un metro e mezzo, completamente nero, protetto da una conchiglia e che si ciba per lo più di…zolfo! Sì, a descriverlo così più che un essere vivente esistente sembrerebbe essere il protagonista di un film di fantascienza o il frutto dell’immaginazione di un bambino: ma per la gioia dei biologi, esiste davvero e ora può essere studiato.

Non è un verme. Il Kuphus polythalamia appartiene alla famiglia dei Teredinidi navali (vermi della navi) che sono molluschi che vivono all’interno di una conchiglia che fa da protezione. Nello specifico, il Kuphus polythalamia è il bivalve più lungo conosciuto.

Cosa mangia il super ‘verme’. Il Kuphus polythalamia, come dicevamo, è un teredinide che, a differenza di quello navale, non si ciba del legno: vive in simbiosi con alcuni batteri e si nutre di zolfo. In pratica i batteri, come se fossero degli chef in miniatura, utilizzano il solfuro di idrogeno come energia per produrre carbonio organico, il nutrimento del super verme. Si tratta di un procedimento che è simile a quello della fotosintesi per le piante.