Torino, i servizi segreti: probabile informatore il capo ultrà suicida della Juve

Si riapre il giallo sul “caso Bucci” nato dall’inchiesta sul bagarinaggio e sui legami con la ‘ndrangheta

Da suicidio misterioso a spy story, con un misterioso black out nelle intercettazioni proprio nel giorno fatale. Il caso di Raffaello Bucci, l’ex ultrà bianconero diventato collaboratore della Juve e morto nel luglio scorso dopo essersi gettato da un viadotto a Fossano, coinvolge anche i servizi segreti che, emerge ora, lo avevano ingaggiato proprio per il suo ruolo di collegamento tra tifosi e società. “Avevo un rapporto fiduciario con lui, stante il mio impegno in Aise, dal 2010 al giugno 2015, anche se mantenne i miei recapiti”: a dirlo ai pm torinesi Monica Abbatecola e Paolo Toso, nel settembre scorso, è un dipendente dell’Agenzia informazioni e sicurezza esterna messo a disposizione dei magistrati dai suoi dirigenti della Presidenza del Consiglio due giorni dopo il suicidio.

Bucci il 6 luglio era stato sentito dai magistrati che indagavano sui rapporti tra tifosi e criminalità organizzata, interessata a mettere le mani sul business del bagarinaggio. I pm gli fecero diverse domande sui suoi contatti con Rocco Dominello, figlio del boss della ‘ndrangheta Saverio e considerato l’elemento di raccordo tra pericolosi capi ultrà come Dino Mocciola, leader dei Drughi, e la criminalità organizzata. Quel colloquio lasciò Bucci in uno stato di grande inquietudine, come raccontato dai suoi colleghi della Juve e come riconosciuto dallo stesso agente segreto che, in quei giorni, era stato contattato dall’ex ultrà preoccupato proprio per l’inchiesta.L’interrogatorio dello “007” è negli atti dell’inchiesta Alto Piemonte, l’indagine della Direzione distrettuale antimafia sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nella curva bianconera.

Il suo nome finisce tra gli “omissis” per ragioni di sicurezza e sostituito con quello di “Gestore”: il suo compito era quello di trovare informatori e collaboratori per i servizi e, appunto, gestirli: “Con Bucci avevo un rapporto senza intermediari relativo all’infiltrazione di frange eversive e di estrema destra nelle curve – spiega l’agente segreto ai pm – Ma lui mi raccontò delle cose da cui nel 2013 nacque un appunto trasmesso ai carabinieri sul gruppo dei Gobbi, su cui ci sarebbe stato interesse della famiglia Ursini (storica famiglia ‘ndranghetista di Torino, ndr)”.