Se vedete quest’oggetto al bancomat vi stanno rubando i dati della carta

Rubano i codici delle carte di credito e poi con una microtelecamera osservano la digitazione del Pin sulla tastiera del Bancomat: arrestati due truffatori che operavano su uno sportello frequentatissimo in via Vittorio Emanuele Orlando.

Se vedete quest’oggetto avvitato con perni “strani” rispetto al normale non azzardatevi nemmeno a fare bancomat: rischiereste il furto di tutti i dati della vostra carta magnetica e di vedere il conto prosciugato in men che non si dica.

I carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato 2 cittadini italiani, di 26 e 36 anni, di Nettuno, che avevano applicato alcuni di questi dispositivi elettronici su di uno sportello bancomat in via Vittorio Emanuele Orlando, per clonare i bancomat e le carte di credito degli ignari utenti.

Sullo sportello bancomat i due avevano applicato quello che si definisce in gergo tecnico uno “skimmer”, ovvero un apparecchio usato per catturare e archiviare i codici contenuti nella banda magnetica delle carte di pagamento e una telecamera per carpire il pin digitato sulla tastiera.

I militari, ormai specializzati nel contrasto a questo tipo di reato, con grande discrezione hanno effettuato un servizio di osservazione a distanza fino a quando, in tarda serata sono riusciti a individuare i due italiani che si erano avvicinati con fare sospetto per ritirare le apparecchiature posizionate precedentemente. Alla vista degli uomini dell’Arma, hanno tentato una improbabile fuga ma sono stati tutti accerchiati e bloccati. Una volta ammanettati sono stati accompagnati in caserma e trattenuti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo, mentre la sofisticata attrezzatura è stata sequestrata.

fanpage