Gravidanza da incubo: “Io, piena di macchie perché allergica al feto”

“Il prurito era così intenso che non riuscivo a dormire” ha raccontato al Sun una giovane mamma australiana alla quale, durante la sua terza gravidanza, è stata diagnosticata una sorta di allergia al feto che le ha procurato dei segni rossi prima sulla pancia e poi sul corpo“

Una gravidanza tutt’altro che tranquilla quella della 29enne Summer Bostock, una giovane australiana già mamma di due bimbi che durante l’attesa del terzo figlio, ha affrontato l’esperienza traumatica di vedersi ricoperta di macchie rosse, prima sulla pancia, poi anche sulla schiena e sulle gambe.

La donna ha raccontato al Sun la sua storia. Alla 30esima settimana di gravidanza, Summer ha inizato a scorgere i primi segni e ad accusare un prurito tale da costringerla a rivolgersi ai medici che le hanno diagnosticato l’eruzione polimorfica della gravidanza (PEP).

“Il prurito era così intenso che non riuscivo a dormire. Ho applicato creme e unguenti, ma nulla riusciva a lenire le mie sofferenze” ha raccontato la 29enne parlando di una sorta di allergia al feto che portava in grembo.

“Sei fondamentalmente allergica al tuo bambino” le avrebbe detto il suo medico, spiegando di aver avuto a che fare con altri esempi di PEP, “ma nessuno così cattivo come il mio”.

La donna ha tentato una cura con varie creme calmanti, con scarsi risultati, per cui ha dovuto convivere con il disturbo fino alla nascita del bambino. Qualche ora dopo il parto, infatti, è sparito ogni segno. Da precisare che nelle due precedenti gravidanze Summer non aveva avuto alcun disturbo.

today